Abbildungen der Seite
PDF

Filium Dei unigenitum ; et ex Patre natum
ante omnia saecula: Deum de Deo, lu-
men de lumine, Deum verum de Deo vero:
Genitum non factum, cumsubstantialem Pa-
tri, per quem omnia facta sunt
e o - ta: - -- -
Quì propter nos homines, et propter no-
stram salutem descendit de caelis: et
incarnatus est de Spiritu Sancto ex Ma-
a ria Virgine: et homo factus est. Ci
cifixus etiam pro nobis sub Pontio Pi-
lato, passus, et sepultus est. -

[ocr errors]

- - - - r - -
- - i- -

[ocr errors]

- - - - -
- * -, - - - - -
. . . . . - - - - - -

Et “resurrexit -tertia die s ocundum Scripturas. - - , ''-

- i - :: : - - - - - - - - - - - - At aseendit in Coelum : : 3 ; - o - - - - - - - i - 2 . - 2

[ocr errors][merged small]
[ocr errors][ocr errors]

i t"

si

Il qual veracemente è Uomo, e Dio;
Ed unico Figliuol di Dio nato -
Eternalmente; e Dio di Dio uscìo (15).
Non fatto manual, ma generato
Simile al Padre (16); e'I Padre ed esso è uno
Con lo Spirito Santo(17);e s'è incarnato (18).
Questi volendo liberar ciascuno,
Fu su la santa Croce crocifisso,
Di grazia pieno, e di colpa digiuno (19).
Poi discese o profondo dell'Abisso
D'Inferno tenebroso (2o), per cavarne
Gli antichi Padri, ch ebbono il cor fisso
Ad aspettar, che Dio prendesse carne o
Umana, per lor trar dalla prigione;
E per sua Passion tutti salvarne (21).
E certo chi con buona opinione (22),
Perfettamente (23), e con sincera fede,
Crede, è salvato per sua Passione.
Chi altramente vacillando crede,
Eretico, e nemico è di se stesso:
L'anima perde, che non se n'avvede (24).
Tolto di Croce, e nel sepolcro messo,
Con l'Anima, e col Corpo il terzo di
Da morte suscitò (25), credo, e confesso.
E con tutta la carne, ch'ebbe quì r .
Dalla sua Madre Vergin benedetta,
Poi alto in Cielo vivo se ne gi.

Sedet ad deaetram Patris : et iterum venturus est cum gloria judicare vivos, et mortuos ; cujus regni non erit finis.

[ocr errors]

Et in Spiritum Sanctum Dominum, et vi3 p. - • • • • víficantem , qui eae Patre Filioque procedit. • ' • - • '

* cum Patre et Filio simul adoratur , $ co'g!orificatur, qui locutus est per Prophétas. ... §. 1 ' '

[ocr errors]
[ocr errors][ocr errors][merged small]

E con Dio Padre siede; e quindi aspetta

Tornar con gloria, a giudicare i morti ;
E di loro, e " vivi (26) far vendetta (27).
Dunque a ben far ciaschedun si conforti;
E'l Paradiso per ben far aspetti:
Ch alle grazie di Dio sarem consorti (28).
E chi con vizi vive, e con difetti, -
Sempre in Inferno speri (29) pene, e guai
Insieme coi Demonj maladetti.
A le qual pene rimedio già mai
Non vi si trova, che son senza fine,
Con pianti, stridi, ed infiniti lai.
Delle qual pene (3o) l'anime tapine (31)
Ci guardi, e campi lo Spirito Santo (32);
Qual è terza persona alle divine (33).

Così col Padre è lo Spirito Santo,

Com'è 'l Figliuolo: l'uno è a l'altro eguale;
E solo un Dio, e sol de Santi un Santo (34).
Ed è la vera Trinità cotale, .
Che il Padre, ed il Figliuol un solo Dio
Con lo Spirito Santo ciascun vale (35) :
Lo qual per quell'amore, e buon desio,
Che dal Padre al Figliuolo eternal regna,
Procedente, e non fatto, è al parer mio(36).
Chi più sottile (37) dichiarar s'ingegna,
Che cosa sia quella divina essenza ;
Manca la possa, e così il cor ne indegna(38).

[ocr errors][merged small][ocr errors][merged small][ocr errors][graphic]
« ZurückWeiter »